logo-trentino
07 set

Trodo dei fiori: che paradiso!

 

di Giorgio, Elisa e Ilaria

 

La breve salita iniziale ci ha permesso di imboccare il Trodo dei Fiori con passo lento e prestare quindi attenzione alla grandissima varietà di fiori che si incontrano a bordo del sentiero… e una volta arrivati in cima si è aperto un panorama stupendo!

 

La vista sul Passo Brocon, su Malga Arpaco e sul crinale del Monte Coppolo da una parte e sulla valle del Vanoi e le Pale di San Martino di Castrozza dall’altra ci ha lasciati senza fiato!
Ci siamo anche fermati a osservare le piste delle Funivie Lagorai: per noi, abituati a vederle completamente innevate e mai da questo punto di vista è stato molto piacevole, e ci ha fatto già navigare col pensiero alle prossime ferie invernali

 

 

Credo che percorrere il Trodo dei fiori ad inizio luglio sia il periodo migliore per la ricchezza di piante e fiori che abbiamo incontrato, ma anche per le temperature gradevoli.
Per la prima volta siamo riusciti a vedere (e a fotografare!) le stelle alpine! Ritorneremo sicuramente anche l’anno prossimo, per cercare le genziane che purtroppo durante questa escursione non si sono fatte trovare!

 

Il Trodo dei Fiori è davvero una passeggiata a misura di famiglia, con dislivelli e distanze contenuti, ma comunque in grado di far crescere l’appetito da appagare poi con un’ottima fetta di strudel una volta tornati al Passo Brocon!

 

Postato in: Italiano / Natura / Post in Italiano / Sport / 7 set 2015 ore 14,41 / 0 commenti commenti
Commenti
Nessun commento inserito
Scrivi un commento
Il commento sarà pubblicato solo dopo la moderazione.


8 + = 16

Invia »
bordino
Cerca
Feed RSS
ABBONATI
bordino
Social