logo-trentino
16 feb

Il Biagio delle Castellare – Carnevale Tesino

 

Non sempre il Carnevale si conclude il martedì grasso: proprio nei giorni che decretano l’inizio dei rigori quaresimali, la comunità del Tesino festeggia la liberazione dalla tirannia del Biagio delle Castellare.

 

 

La storia del Biagio

 

La manifestazione trae origine da un evento storico realmente accaduto nel 1365, quando si registrò la sconfitta, ad opera delle truppe di Francesco da Carrara, del Signore Biagio delle Castellare, crudele vessatore di Valsugana e Tesino.
Egli era all’epoca un condottiero, inviato da Francesco da Carrara a difendere la Valsugana dalle incursioni degli alleati di Carlo IV di Lussemburgo e cercò di organizzare in fretta e furia un esercito con le risorse disponibili in loco, ma il Tesino si rifiutò di inviare i propri uomini, cavalli e vettovaglie.
Nel 1356 Biagio fu sconfitto da Siccone da Caldonazzo, il quale, forte di alcune vittorie in quel di Pergine, mirava ad appropriarsi della Valsugana.
Deluso per l’insuccesso bellico e arrabbiato per il mancato aiuto da parte delle comunità locali, Biagio si ritirò nei castelli di Ivano e Grigno (il secondo detto anche delle Castellare) e per i 9 anni successivi vessò gli abitanti della valle, saccheggiando e bruciando il Tesino.
Nel 1365, quando Rodolfo d’Austria dichiarò guerra al Francesco da Carrara, il condottiero Biagio voltò gabbana al proprio protettore e si alleò con i nemici Austriaci. Fu in seguito a questo tradimento militare, che le truppe dei Carraresi mossero alla volta della Valsugana per punire l’infedele capitano.
La tradizione vuole che , avendo saputo dell’assedio in corso al maniero delle “Castellare”, i Tesini, armati di forche e bastoni, raggiungessero Grigno per appoggiare l’esercito Carrarese. La fortezza fu espugnata rapidamente ma, nel frattempo, Biagio era fuggito nel vicino castello di Antonio d’Ivano.

Dopo alcuni giorni di dura battaglia, anche i difensori di Castel Ivano capitolarono e il Conte Biagio, Antonio d’Ivano e le proprie famiglie, che vi si erano asserragliati all’interno, vennero catturati.

Nonostante le insistenti richieste da parte dei Tesini di poterlo giustiziare, Francesco da Carrara preferì tenerlo come ostaggio da sfruttare a scopo politico. Non potendo far di meglio gli abitanti del Tesino ne impiccarono l’effigie, ma stabilirono di celebrare periodicamente un processo per ricordarne i misfatti ripetendo poi l’impiccagione sulla pubblica piazza. Questo anche per tramandare ai posteri la fierezza della gente tesina che neanche nei momenti più difficili si è mai piegata al tiranno.
Biagio delle Castellare - Cavalieri  Biagio delle Castellare - Popolo

 

 

Il Biagio è una delle più intense manifestazioni che da secoli si celebrano l’ultimo giorno di Carnevale e il Mercoledì delle Ceneri.

 

Per il programma della rievocazione 2015 però è stata spostata al sabato successivo 21 febbraio. Prossimo appuntamento nel 2020!
Biagio delle Castellare - Il processo  Biagio delle Castellare - Impiccagione

 

 

Questa rappresentazione popolare rappresenta un unicum non solo in Trentino, ma costituisce uno dei più antichi e tipici carnevali del panorama storico italiano; solo in pochissime località dell’arco alpino, infatti, si è riusciti a tramandare, senza soluzione di continuità, una tradizione che è resistita nei secoli anche ai severi tentativi di soppressione dovuti a ragioni religiose o a divieti. Il Biagio venne impiccato anche quando i Tesini dovettero andare profughi in diverse località della penisola durante la Prima Guerra Mondiale.

 

(testi tratti da uno scritto di Mario  Pernechele e Narcisa Lucca e dalla pubblicazione Lagorai Magazine)

 

Postato in: Cultura / Italiano / Post in Italiano / 16 feb 2015 ore 8,13 / 0 commenti commenti
Commenti
Nessun commento inserito
Scrivi un commento
Il commento sarà pubblicato solo dopo la moderazione.


+ 3 = 7

Invia »
bordino
Cerca
Feed RSS
ABBONATI
bordino
Social