logo-trentino
11 nov

Adotta una Mucca e i valori della montagna

 

di Silvia

 

Quando, qualche anno fa è uscita l’iniziativa di adottare una mucca, mi è sembrata subito una bella idea.

 

Sembra strano, ma spesso capita che alcune persone non si fermino a pensare, non si chiedono: da dove viene questo prodotto? Quanto tempo ci è voluto per poterlo preparare? Chi l’ha preparato e qual è la sua storia?

Tutto sembra scontato, perché basta andare al supermercato ed è già tutto pronto!

 

il formaggio di malga - Adotta una Mucca

 

Invece, è importante ricordare da dove veniamo, che strada abbiamo fatto per poter essere arrivati fin qui, ricordare la fatica, i sacrifici, la stanchezza di coloro che, in tempi passati ed oggi, per fortuna, posseggono le competenze ed hanno deciso di lavorare in malga, di fare il casaro, spinti non solo dalla necessità, ma anche dall’amore, dalla passione per quello che fanno, per la natura.

 

L’esperienza in malga con Adotta una Mucca non è solo un’esperienza per “sapere” come si fa un formaggio, il burro, ecc., ma è un’esperienza di vita, di incontro con l’altro, per comprendere che spesso le cose facili, le cose “cotte e mangiate”, immediate, da “catena di montaggio”, come siamo soliti volere, non hanno alcun “senso”, non hanno alcun significato, perché è l’uomo, con i suoi problemi, quelli che si incontrano giorno per giorno, costruisce la realtà e per fare ciò occorre il tempo necessario, non aver fretta e come tutte le cose “vere”, sacrificio.

 

Ecco, i “valori della montagna”, … un prodotto genuino che ho trovato nella Malga Valsolero di Sotto, grazie a Sonia e non solo.

 

CONTINUATE COSI’ !

Postato in: Adotta una Mucca / Italiano / Post in Italiano / 11 nov 2013 ore 14,53 / 1 commento commenti
Commenti
Katiuscia
11 nov 2013 ore 20,36

Complimenti a Silvia per il bellissimo esempio! Grazie

Scrivi un commento
Il commento sarà pubblicato solo dopo la moderazione.


6 + = 10

Invia »
bordino
Cerca
Feed RSS
ABBONATI
bordino
Social